Team Robinson

Ci sono le scusanti, ma sono i risultati che contano per il Team Robinson Trentino
Il Team Talent con vittorie nella 30 km in classico grazie a Cerutti e Patini
20.a la poliziotta Sara Pellegrini nella gara Ski Classics
Bene i giovani, ora si guarda alla Marcialonga

C’è sempre la maniera di vedere un bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. E anche nel Team Robinson Trentino è così. Dopo l’importante appuntamento della Granfondo Dobbiaco-Cortina è ora di fare un bilancio – come afferma il team manager Bruno Debertolis che guida la squadra impegnata quest’anno nel circuito Visma Ski Classics, oltre ad un gruppo di fondisti che hanno partecipato alla Double Poling Academy e quelli del Team Talent, classica squadra che partecipa alle granfondo, sempre con i colori Robinson Trentino.
A Dobbiaco, in un weekend contrastato dal maltempo che ha costretto gli organizzatori a rivoluzionare il programma, il presidente del Team, Gianni Casadei, domenica non era certo soddisfatto dei risultati nella Ski Classics. Ci sarebbero tante scuse da accampare, ma alla fine sono i risultati a parlare, e poco conta se alcuni ragazzi di punta del Team hanno avuto problemi gastro-intestinali, in particolare Panisi che puntava a far bene, e l’atleta più in forma del momento ha avuto problemi tecnici agli sci e non ha potuto esprimersi al massimo, e così via.
I colori nero-verdi del Team Robinson Trentino si ritrovano così al 37° posto nella prova Ski Classics con Matis Leray, determinato ma appunto avversato dalla malasorte, posizione che a lui va stretta, ma che per un 21enne si può considerare assolutamente positiva: tenterà di rifarsi domenica alla Marcialonga.
Lorenzo Busin è appena fuori dai primi 50 e poco dietro c’è Florian Cappello. Per tutti la prova d’appello sarà appunto la Marcialonga.
Al femminile la poliziotta delle FFOO Sara Pellegrini, che nelle lunghe distanze difende i colori del Team Robinson Trentino, ha occupato una significativa 20.a posizione, con Chiara Caminada 33.a.
È andata nettamente meglio nella 30 km in classico, con una vittoria cristallina di Lorenzo Cerutti. Fa parte del ‘Team Talent’, è un atleta amatore ma che ha al suo attivo alcune vittorie. Soddisfatto all’arrivo: “Onestamente non me l’aspettavo, ho partecipato alla Dobbiaco-Cotina con l’intenzione di fare un “lungo” in previsione di Marcialonga. Mi sono e mi sto preparando per la “Light”, l’ho già vinta due volte e un bel tris ci starebbe. A Dobbiaco mi sentivo bene, avevo degli sci ottimi preparati dal Team, dopo metà gara ci siamo trovati un gruppetto di cinque in testa, poi c’è stata la volata e mi è andata decisamente bene. Ora guardo alla Marcialonga Light, punto alla vittoria!”
Al successo di Cerutti fa eco quello di Asia Patini tra le donne, che ha trovato come avversaria più coriacea la compagna di squadra Caterina Piller, 2.a, con Marta Gentile appena giù dal podio.
Nella gara skating ottimo sesto posto di Patrick Klettenhammer e il dodicesimo di Matteo Tanel, al rientro dopo un’inattesa quarantena.
E non potevano mancare le sorprese positive degli atleti della Double Poling Academy, con Stefano Dal Magro quarto e Passerini 7° nella gara in classico, e Thomas Rinner 16° nella skating.
Applausi da parte del presidente Gianni Casadei, orgoglioso della crescita dei giovani perché il Team Robinson Trentino punta anche su di loro.
Ed ora Marcialonga in primo piano, appuntamento a domenica 31 gennaio.